Il primo cane...

venerdì 15 aprile 2016
 
Il primo cane...

L'esperienza del primo cane, specialmente se si tratta di un cucciolo, è inebriante. Spesso, presi dall'entusiasmo di avere il nuovo arrivo a casa il prima possibile, si commettono però degli errori scontati poi nel corso degli anni. L'impegno che ci si assume deve essere valutato attentamente. Il cucciolo ha delle necessità più pressanti di quelle di un adulto. La sua infanzia dura poco, ma in quel periodo dobbiamo assumerci molte responsabilità tra cui quella di socializzarlo al meglio e di insegnargli le prime regole per una serena convivenza. Nel periodo che va dai 50 giorni ai 5 mesi, il cucciolo ha bisogno di conoscere e vedere quanto più possibile, di avere tante esperienze positive quanti saranno i luoghi che vedrà nel corso della vita. Quello che impara in questo periodo segnerà il suo carattere da adulto e la sua serenità davanti alle novità. Dovrà imparare a conoscere tutti i tipi di persone, con addosso la maggior variabilità di accessori (borse, ombrelli, cappelli, cappotti con cappuccio, bastoni, occhiali...), tutte le categorie di esseri umani (bambini, anziani, uomini, donne, carrozzine, passeggini, sedie a rotelle e quant'altro), per non parlare di mezzi di trasporto, rumori, luoghi affollati o deserti, ambulatori veterinari, uffici, negozi, strade, animali... e, non basta. Tutte queste esperienze dovranno essere vissute positivamente e con entusiasmo dal cucciolo. Questo si traduce in un impegno molto grande da parte del proprietario, e in un enorme dispendio di tempo. Ovviamente a questo si deve sommare il tempo delle passeggiate, le giornate passate a portare il cucciolo a fare pipì ogni 2-3 ore, le notti svegli se piange, le visite dal veterinario e le vaccinazioni, eventualmente il costo e il tempo di farsi seguire da un educatore... 


 
Luca
ALM St Monica Kennel
Vai al mio blog

Visite (12990)