Imparare a stare da soli . . .

martedì 15 novembre 2016
 
Imparare a stare da soli . . .

Imparare a stare da soli . . .

Durante i primi giorni nella nuova casa i cuccioli vivono una fase di ambientamento; staccati dalla mamma, dalla compagnia dei fratellini e arrivati in un nuovo mondo fatto di persone invece che di cani, di tanti nuovi rumori, il nostro amico si sentirà un po’ spaesato (chi più chi meno) e dovrà avere la possibilità di conoscerlo con calma e tranquillità, senza inutili stress. Durante questi primi giorni è bene evitare inutili complicazioni dovute alla solitudine al nostro piccolo amico e fare in modo invece che il cane vi prenda come riferimento, che comincia a sviluppare fiducia in voi. Passata questa prima fase e appurata un po’ di sicurezza nel vostro cucciolo si può gradatamente incominciare a insegnargli a stare da solo. Iniziamo con l’assentarci dalla stanza in cui il cane si trova per qualche minuto, lasciando sempre a disposizione del cane qualche “giocattolo” come ossa, palline con cui eventualmente interegire (o sempre trovato una buona compagnia lasciare la televisione o una radio accesa durante l’assenza) Al rientro siate tranquilli, non eccitate il cane per primi con innumerevoli feste, osservate piuttosto se tutto è a posto se ha fatto il bravo e in caso sia comportato bene ricompensatelo (un bel BRAVO!” è sempre apprezzato e un ghiotto bocconcino ottimo all’apprendimento). Allo stesso modo, non date troppa attenzione a eventuali tentativi di festa sfrenati del cane per richiamare la vostra attenzione, al contrario cercate di calmarlo, chiamatelo a voi, solo nel momento in cui si tranquillizza lodatelo e accarezzandolo con dolcezza. Una cosa importante, sin dai primi tentativi è di non tornare dal cucciolo o peggio correre a prenderlo in braccio in concomitanza con eventuali lamenti, per questo è necessario avere pazienza, lavorare per gradi, prima lascitelo qualche minuto da solo in una stanza, poi magari una decina di minuti uscendo dalla porta di casa, aumentando via, via le tempistiche sino a che riuscirete a lasciarlo qualche ora da solo al giorno.

Fonte bibbliografica: Rivista “I nostri Cani – marzo 2011”


 
Andrea
CUCCIOLI e ALLEVAMENTI
Vai al mio blog

Visite (5343)