STANDARD

lunedì 16 settembre 2013
 
STANDARD F.C.I. n. 250


ORIGINI: bacino occidentale del Mediterraneo; sviluppo: Cuba.

PATROCINIO: F.C.I.

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD: 04/11/2008.

UTILIZZO: cane da compagnia.

CLASSIFICAZIONE F.C.I.: gruppo 9 "cani da compagnia", sezione 1 "Bichon e razze affini"; non è prevista alcuna prova di lavoro.


ASPETTO GENERALE: il Bichon Havanais è un piccolo cane robusto, basso sugli arti, con lungo pelo abbondante, soffice e preferibilmente ondulato. Il suo movimento è vivace ed elastico.

PROPORZIONI IMPORTANTI: la lunghezza del muso (punta del naso allo stop) è uguale alla distanza tra lo stop e la protuberanza occipitale. Il rapporto tra la lunghezza del corpo (misurata dalla punta della spalla alla punta della natica) e l’altezza al garrese è di 4/3.

COMPORTAMENTO - CARATTERE: eccezionalmente brillante, è facile da addestrare come “svegliarino”. Affettuoso, di natura allegra, è amichevole, affascinante, giocherellone e perfino un po’ pagliaccio. Ama i bambini e gioca instancabilmente con loro.

TESTA: di media lunghezza, il rapporto tra la lunghezza della testa e quella del tronco (misurata dal garrese all’inserzione della coda) è di 3/7.

REGIONE DEL CRANIO:
Cranio: largo, da piatto ad appena arrotondato, la fronte non è molto sporgente; visto da sopra è arrotondato nel posteriore e quasi diritto e quadrato nelle altre tre parti.
Stop: moderatamente marcato.

REGIONE DEL MUSO:
Tartufo: nero o marrone.
Muso: si restringe progressivamente e leggermente verso il tartufo, ma non è mai appuntito né tronco.
Labbra: fini, asciutte, aderenti.
Denti: a chiusura a forbice: si ricerca una dentatura completa, l’assenza di premolari 1 (PM1) e molari 3 (M3) è tollerata.
Guance: molto piatte, non sporgenti.
Occhi: piuttosto grandi, a forma di mandorla, di color marrone il più scuro possibile; espressione gentile; le rime palpebrali devono essere da marrone scuro a nero.
Orecchie: inserite relativamente alte, cadono lungo le guance formando una piega discreta che le rialza leggermente; la loro estremità ha una punta leggermente arrotondata; sono ricoperte di pelo a lunghe frange; non sono rivolte in fuori (“ad ala di mulino”) né incollate alle guance.

COLLO: di media lunghezza.

CORPO: la lunghezza è leggermente superiore all’altezza al garrese.
Linea superiore: diritta, leggermente arcuata sul rene.
Groppa: ben inclinata.
Costole: ben cerchiate.
Ventre: ben retratto.

CODA: è portata alta, sia a forma di pastorale sia, preferibilmente, arrotolata sul dorso, ricoperta di frange di lunghi peli serici.

ARTI:

ARTI ANTERIORI: diritti e paralleli, asciutti; buona struttura ossea. La distanza dal terreno al gomito non deve essere più grande di quella tra il gomito e il garrese.

ARTI POSTERIORI: buona struttura ossea; angolazioni moderate.

PIEDI: di forma leggermente allungata, piccoli, compatti.

ANDATURA - MOVIMENTO: il Bichon Havanais ha un passo sorprendentemente leggero ed elastico che sottolinea il suo carattere gioioso; movimento molto sciolto degli anteriori che hanno un buon allungo, mentre i posteriori danno loro la spinta in linea diritta.

MANTELLO:

PELO: il sottopelo, lanoso, è poco sviluppato; è spesso del tutto assente. Il mantello di copertura è molto lungo (12-18 cm in un cane adulto), soffice, piatto o ondulato, e può formare ciocche ricciolute. Qualsiasi forma di toelettatura, l’uso della forbice per regolare la lunghezza del mantello e il trimming sono proibiti. Eccezioni: è permesso sistemare il pelo sui piedi, il pelo sulla fronte può essere accorciato leggermente in modo che non ricopra gli occhi e i peli del muso possono pure essere leggermente regolati, ma è preferibile lasciarli al naturale.

COLORE: raramente completamente bianco puro, fulvo nelle diverse sfumature (sono ammesse carbonature leggere), nero, avana, color tabacco, bruno-rossastro. Ammesse macchie nei colori menzionati. Le focature sono ammesse in tutte le sfumature.

TAGLIA:
Altezza al garrese: da 23 a 27 cm.
Tolleranza: da 21 a 29 cm.



DIFETTI: qualsiasi deviazione da quanto sopra va considerato come difetto e dovrà essere penalizzato secondo la sua gravità e l’influenza sulla salute e il benessere del cane.

DIFETTI GRAVI:
- aspetto generale che manca di tipicità;
- muso tronco o appuntito, con lunghezza non uguale a quella del cranio;
- occhi da rapace; occhi troppo infossati o sporgenti; bordi palpebrali parzialmente depigmentati;
- corpo troppo lungo o troppo corto;
- coda diritta, non portata alta;
- anteriore “a lira” (carpi ravvicinati, piedi deviati in fuori);
- piedi posteriori deformati;
- mantello ispido, poco abbondante; pelo corto tranne che nei cuccioli; mantello toelettato.

DIFETTI ELIMINATORI:
- cane aggressivo o eccessivamente timido;
- tartufo depigmentato;
- enognatismo o prognatismo;
- ectropion, entropion; bordi palpebrali depigmentati;
- taglia sopra o sotto le misura indicate dallo standard.

Qualsiasi cane che mostri chiaramente anormalità di tipo fisico o comportamentale sarà squalificato.

N.B. I maschi devono avere due testicoli apparentemente normali completamente discesi nello scroto.

 
Eder
la BOTTEGA FANTASTICA - Allevamento Italiano Bichon Havanais
Vai al mio blog

Visite (535)